Santuario Maria SS. delle Grazie
Frati cappuccini - Cerreto Sannita - BN
Vai ai contenuti
SANTUARIO
.






 
PREGHIERE ALLA MADONNA
 
 
[01] TI SALUTO, STELLA DEL MARE
Ave stella del mare, madre gloriosa di Dio,
 
Vergine sempre, Maria, porta felice del cielo.
L'«ave» del messo celeste reca l'annunzio di Dio,
muta la sorte di Eva, reca al mondo la pace.
Spezza i legami agli oppressi, rendi la luce ai ciechi,
scaccia da noi ogni male, chiedi per noi ogni bene.
Mostrati Madre per tutti, porta la nostra preghiera,
Cristo l'accolga benigno, lui che si è fatto tuo Figlio.
Vergine santa fra tutte, dolce regina del cielo
rendi innocenti i tuoi figli, umili e puri di cuore.
Donaci giorni di pace, veglia sul nostro cammino,
fa che vediamo il tuo Figlio, pieni di gioia nel cielo.

 
[02] VERGINE DELLA NOTTE
 
 
Santa Maria, Vergine della notte, noi t’imploriamo di starci vicino quando incombe il dolore, irrompe la prova, sibila il vento della disperazione, o il freddo delle delusioni o l’ala severa della morte. Liberaci dai brividi delle tenebre. Nell’ora del nostro calvario, Tu, che hai sperimentato l’eclissi del sole, stendi il tuo manto su di noi, sicché, fasciati dal tuo respiro, ci sia più sopportabile la lunga attesa della libertà. Alleggerisci con carezze di Madre la sofferenza dei malati. Riempi di presenze amiche e discrete il tempo amaro di chi è solo. Preserva da ogni male i nostri cari che faticano in terre lontane e conforta, col baleno struggente degli occhi, chi ha perso la fiducia nella vita. Ripeti ancora oggi la canzone del Magnificat, e annuncia straripamenti di giustizia a tutti gli oppressi della terra. Se nei momenti dell’oscurità ti metterai vicino a noi le sorgenti del pianto si disseccheranno sul nostro volto. E sveglieremo insieme l’aurora. Amen
 
(Mons. Tonino Bello).
 
 
 
[03] A TE, MARIA
 
 
A te, Maria, fonte della vita, si accosta la mia anima assetata. A te, tesoro di misericordia, ricorre con fiducia la mia miseria. Come sei vicina, anzi intima al Signore! Egli abita in te e tu in lui. Nella tua luce, posso contemplare la luce di Gesù, sole di giustizia. Santa Madre di Dio, io confido nel tuo tenerissimo e purissimo affetto. Sii per me mediatrice di grazia presso Gesù, nostro Salvatore. Egli ti ha amata sopra tutte le creature, e ti ha rivestito di gloria e di bellezza. Vieni in aiuto a me che sono povero e fammi attingere alla tua anfora traboccante di grazia
 
(San Bernardo di Chiaravalle).
 
 
 
[04] UN CUORE DI BAMBINO
 
 
O Maria, Madre di Dio, conservami un cuore di bambino, puro e limpido come acqua di sorgente. Ottienimi un cuore semplice, che non assapori la tristezza; un cuore grande nel donarsi e tenero nella compassione; un cuore fedele e generoso che non dimentichi nessun beneficio e non serbi rancore per il male. Forma in me un cuore dolce e umile, un cuore grande ed indomabile che nessuna ingratitudine possa chiudere e nessuna indifferenza possa stancare; un cuore tormentato dalla gloria di Gesù Cristo, ferito dal Suo amore con una piaga che non rimargini se non in Cielo. Amen
 
(Louis De Grandmaison).
 
 
 
[05] RIMANI ACCANTO, MARIA
 
 
Rimani, Maria, accanto a tutti gli ammalati del mondo, di coloro che in questo momento, hanno perso conoscenza e stanno per morire; di coloro che stanno iniziando una lunga agonia, di coloro che hanno perso ogni speranza di guarigione; di coloro che gridano e piangono per la sofferenza; di coloro che non possono curarsi perché poveri; di quelli che vorrebbero camminare e devono restare immobili; di quelli che vorrebbero riposare e la miseria costringe a lavorare ancora; di quelli che sono tormentati dal pensiero di una famiglia in miseria; di quanti devono rinunciare ai loro progetti; di quanti soprattutto non credono in una vita migliore; di quanti si ribellano e bestemmiano Dio; di quanti non sanno o non ricordano che il Cristo ha sofferto come loro
 
(chiesa di La Roche-Pozay)
 
 
 
[06] DILETTA MADRE
 
 
O Maria, la luce della tua fede diradi le tenebre del mio spirito; la tua profonda umiltà si sostituisca al mio orgoglio; la tua sublime contemplazione ponga freno alle mie distrazioni; la tua visione ininterrotta di Dio riempia la mia mente della sua presenza; l’incendio di carità del tuo cuore dilati e infiammi il mio, così tiepido e freddo; le tue virtù prendano il posto dei miei peccati; i tuoi meriti siano il mio ornamento presso il Signore. Infine, carissima e diletta Madre, fa’ che io non abbia altra anima che la tua per lodare e glorificare il Signore; che io non abbia altro cuore che il tuo per amare Dio con puro e ardente amore, come te. Amen
 
(San Luigi Maria Grignion de Montfort).
 
 
 
[07] FONTE DI BONTA'
 
 
O Fonte di bontà, Avvocata dei peccatori, porto dei naufraghi, vita di tutti, non scacciarmi da Te perché peccatore, ma anzi, perché tale, ascolta e consola la mia preghiera. Tu sei veramente purissima, o Madre di Dio! Conciliami la benevolenza del Divino Giudice. Io ho peccato, e il mio peccato mi sta sempre dinanzi agli occhi. Sfolgora sulla tenebrosa e sordida mia mente il Lume supremo. Disperdi la nebbia dei miei torbidi pensieri, affinché, ravvivato dalla serena e tranquilla luce del tuo sguardo, io possa offrirmi vittima gradita al tuo Figlio e mio Dio, venuto al mondo per chiamare i peccatori a penitenza. Accogli l’umile mia preghiera e salvami! Mostra in me, che sono il più miserabile, quanto grandi siano le tue misericordie, o speranza mia, o Madre del mio Signore! Rendimi benevolo il tuo Figlio e mio Giudice, o Tu che sei l’asilo dei peccatori pentiti
 
(Sant’Efrem il Siro).
 
 
 
[08] ALL'IMMACOLATA
 
 
Vergine immacolata, scelta tra tutte le donne per donare al mondo il Salvatore, serva fedele del mistero della Redenzione, fa’ che sappiamo rispondere alla chiamata di Gesù e seguirlo sul cammino della vita che conduce al Padre. Vergine tutta santa, strappaci dal peccato trasforma i nostri cuori. Regina degli apostoli, rendici apostoli! Fa’ che nelle tue sante mani noi possiamo divenire strumenti docili e attenti per la purificazione e santificazione del nostro mondo peccatore. Condividi con noi la preoccupazione che grava sul tuo cuore di Madre, e la tua viva speranza che nessun uomo vada perduto. Possa, o Madre di Dio, tenerezza dello Spirito Santo, la creazione intera celebrare con te la lode della misericordia e dell’amore infinito
 
(S. Massimiliano Kolbe)
 
 
 
[09] GUARDA LA STELLA, INVOCA MARIA
 
 
Chiunque tu sia, che nel flusso di questo tempo ti accorgi che, più che camminare sulla terra, stai come ondeggiando tra burrasche e tempeste, non distogliere gli occhi dallo splendore di questa stella, se non vuoi essere sopraffatto dalla burrasca! Se sei sbattuto dalle onde della superbia, dell’ambizione, della calunnia, della gelosia, guarda la stella, invoca Maria. Se l’ira o l’avarizia, o le lusinghe della carne hanno scosso la navicella del tuo animo, guarda Maria. Se turbato dalla enormità dei peccati, se confuso per l’indegnità della coscienza, cominci ad essere inghiottito dal baratro della tristezza e dall’abisso della disperazione, pensa a Maria. Non si allontani dalla tua bocca e dal tuo cuore, e per ottenere l’aiuto della sua preghiera, non dimenticare l’esempio della sua vita. Seguendo lei non puoi smarrirti, pregando lei non puoi disperare. Se lei ti sorregge non cadi, se lei ti protegge non cedi alla paura, se lei ti è propizia raggiungi la mèta (San Bernardo da Chiaravalle).
 
 
 
[10] TI SALUTO, SUA ANCELLA
 
 
Ti saluto, Signora santa, regina santissima, Madre di Dio, Maria, che sempre sei Vergine, eletta dal santissimo Padre celeste e da Lui, col santissimo Figlio diletto e con lo Spirito Santo Paraclito, consacrata. Tu in cui fu ed è ogni pienezza di grazia e ogni bene. Ti saluto, suo palazzo. Ti saluto, sua tenda. Ti saluto, sua casa. Ti saluto, suo vestimento. Ti saluto, sua ancella. Ti saluto, sua Madre. E saluto voi tutte, sante virtù, che per grazia e lume dello Spirito Santo siete infuse nei cuori dei fedeli affinché le rendiate, da infedeli, fedeli a Dio. Amen.
 
(San Francesco d’Assisi)
 
 
 
[11] SOTTO IL VOSTRO MANTO
 
 
Santissima Vergine Immacolata e madre mia Maria, a voi che siete la Madre del mio Signore, la regina del mondo, l’avvocata, la speranza, il rifugio dei peccatori, ricorro io che sono il più miserabile di tutti. Vi ringrazio di quante grazie mi avete fatte finora, specialmente di avermi liberato dall’inferno che tante volte ho meritato. Io vi amo, Signora amabilissima, e per l’amore che vi porto vi prometto di volervi sempre servire e di far quanto posso, affinché siate amata anche dagli altri. Io ripongo in voi tutte le mie speranze, tutta la mia salvezza; accettatemi per vostro servoed accoglietemi sotto il vostro manto, o Madre di misericordia. E giacché siete così potente presso Dio, liberatemi da tutte le tentazioni; oppure ottenetemi la forza di vincerle sino alla morte. Non mi lasciate fintanto che non mi vedrete già salvo in cielo a benedirvi ed a cantare le vostre misericordie per tutta l’eternità. Amen
 
(Sant’Alfonso Maria de’ Liguori)
 
 
 
[12] SIGNORA DELL'UNIVERSO
 
 
O Donna da tutti e sopra tutti benedetta! Tu sei l’onore e la difesa del genere umano; tu sei la Madre di Dio; tu la Signora dell’universo, la regina del mondo. Tu sei la perfezione dell’universo e il decoro della santa Chiesa; tu tempio di Dio; tu giardino di delizie; tu porta del cielo, letizia del Paradiso e gloria ineffabile del sommo Dio; veramente è balbettando che cantiamo le tue lodi e le tue bellezze. Supplisci con la tua bontà alle nostre insufficienze. Amen
 
(San Bernardino da Siena)
 
 
 
[13] TU SEI MIA MADRE
 
 
Ricordati e rammentati, o dolcissima Vergine, che Tu sei mia Madre e che io sono Tuo figlio; che Tu sei potente e che io sono poverissimo, timido e debole. Io Ti supplico, dolcissima Madre, di guidarmi in tutte le mie vie, in tutte le mie azioni. Non dirmi, Madre stupenda, che Tu non puoi, poiché il Tuo amatissimo Figlio ti ha dato ogni potere, sia in cielo che in terra. Non dirmi che Tu non sei tenuta a farlo, poiché Tu sei la Mamma di tutti gli uomini e, particolarmente, la mia Mamma. Se Tu non potessi ascoltare, io Ti scuserei dicendo: «è vero che è mia Mamma e che mi ama come Suo figlio, ma non ha mezzi e possibilità per aiutarmi». Se Tu non fossi la mia Mamma, io avrei pazienza e direi: «ha tutte le possibilità di aiutarmi, ma, ahimé, non è mia Madre e, quindi, non mi ama». Ma invece no, o dolcissima Vergine, Tu sei la mia Mamma e per di più sei potentissima. Come potrei scusarti se Tu non mi aiutassi e non mi porgessi soccorso e assistenza? Vedi bene, o Mamma, che sei costretta ad ascoltare tutte le mie richieste. Per l’onore e per la gloria del Tuo Gesù, accettami come Tuo bimbo senza badare alle mie miserie e ai miei peccati. Libera la mia anima e il mio corpo da ogni male e dammi tutte le Tue virtù, soprattutto l’umiltà. Fammi regalo di tutti i doni, di tutti i beni e di tutte le grazie che piacciono alla SS. Trinità, Padre, Figlio e Spirito Santo. Amen
 
(San Francesco di Sales)
 
 
[14] MARIA, MADRE DELL'AMORE
 
 
Maria, Madre dell'Amore, amaci intensamente. Ora più che mai ne abbiamo bisogno. La terra, che tu stessa hai conosciuto, è piena di angosciosi problemi. Proteggi coloro che, turbati dalle difficoltà  o avviliti dalla sofferenza, sono presi da sfiducia e da disperazione. A coloro cui tutto va male, dona conforto; suscita in loro la nostalgia di Dio e la fede nel suo infinito potere di soccorso. Ama coloro che non sanno farsi amare e che la gente non ama più. Consola coloro a cui la morte o l'incomprensione ha strappato gli ultimi amici e si sentono terribilmente soli. Abbi pietà delle mamme che piangono i loro bambini perduti o ribelli o infelici. Abbi pietà dei genitori che non hanno ancora lavoro e sono nell'impossibilità di dare alla propria famiglia pane abbondante e istruzione. Che la loro umiliazione non li abbatta. Dona loro coraggio e tenacia nel riprendere giorno dopo giorno la propria avventura, nell'attesa di giorni migliori. Ama coloro a cui tutto va bene, e che, illudendosi di aver raggiunto quaggiù lo scopo della vita, ti hanno dimenticato. Ama coloro a cui Dio ha donato bellezza, beni e forti sentimenti, perché non sciupino questi doni in cose inutili e vane, ma con essi facciano felici coloro che ne sono sprovvisti. Ama, finalmente, coloro che non ci amano più. Maria, Madre dell'Amore, madre di tutti noi, donaci speranza, pace, amore. Amen
 
(G. Perico S.J.)
 
 
 
[15] TU CANDIDO GIGLIO
 
 
Ave, nobile, gloriosa e intatta fanciulla, tu pupilla della castità, tu materia della santità che piacque a Dio. In te infatti avvenne quella celeste infusione, per cui il Verbo divino si rivestì in te di carne.Tu candido giglio, cui Dio volse lo sguardo prima d’ogni altra creatura. O bellissima e dolcissima; quanto grandemente Dio in te si è compiaciuto! Nel calore del suo abbraccio ha fatto germogliare in te suo Figlio, così che potesse ricevere da te il latte. Così il tuo grembo esultò di gioia, quando tutta la sinfonia celeste da te sgorgò, perché tu, o Vergine, portasti il Figlio di Dio, per cui la tua castità rifulse in Dio. La tua carne provò gioia, come l’erba su cui ricade la rugiada infondendovi freschezza; così è accaduto anche in te, o Madre di tutte le gioie. Ora tutta la Chiesa risplenda di gioia e risuoni nell’armonia per la dolcissima Vergine Maria, degna di lode, Madre di Dio. Amen
 
(Sant’Ildegarda di Bingen)
 
 
 
[16]  MADRE PURISSIMA
 
 
Placa, o Madre purissima, la selvaggia tempesta dell’anima mia, che sola ti sei mostrata sulla terra porto di quanti navigano nei mali della vita. Tu che hai generato la Luce, illumina, o Pura, gli occhi del mio cuore. Sei stata data a noi, sulla terra, come protezione, baluardo e vanto. Ci sei stata data come torre e sicura salvezza, o Fanciulla. Per questo non temiamo più i nemici noi che piamente ti magnifichiamo
 
(San Giuseppe Studita)
 
 
 
[17] LAMPADA PURISSIMA
 
 
Signora, tu sola sei il mio conforto che viene da Dio: divina rugiada del mio calore; gocce divine del mio cuore inaridito, lampada purissima dell’anima mia ottenebrata, tracciato del mio cammino, forza della mia debolezza, copertura della mia nudità, ricchezza della mia povertà, medicina delle mie piaghe inguaribili, rimedio delle mie lacrime, fine dei miei sospiri, allontanamento delle avversità, sollievo dei dolori, scioglimento delle catene, speranza della mia salvezza. Hai, lo so, come madre dell’Altissimo, un potere pari al tuo desiderio; perciò oso tanto e ho fiducia. Non deludere la mia speranza, o purissima Signora, ma fa’ ch’io possa raggiungere, o Sposa di Dio, Colui che tu hai generato, il Signore Gesù Cristo, vero Dio e Signore: al quale è dovuta ogni gloria,  onore, adorazione insieme col Padre e con lo Spirito vivificatore, ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amen
 
(San Germano di Costantinopoli)
 
                                                                      
 
 
[18] MADRE PURISSIMA
 
 
Placa, o Madre purissima, la selvaggia tempesta dell’anima mia, che sola ti sei mostrata sulla terra porto di quanti navigano nei mali della vita. Tu che hai generato la Luce, illumina, o Pura, gli occhi del mio cuore. Sei stata data a noi, sulla terra, come protezione, baluardo e vanto. Ci sei stata data come torre e sicura salvezza, o Fanciulla. Per questo non temiamo più i nemici noi che piamente ti magnifichiamo. Amen
 
(San Giuseppe Studita)
 
 
 
[19] MADRE INCOMPARABILE
 
 
Io so bene, o Vergine piena di grazia, che a Nazaret tu sei vissuta poveramente, senza chiedere nulla di più. Né estasi, né miracoli, né altri fatti straordinari abbellirono la tua vita, o Regina degli eletti. Il numero degli umili, dei piccoli, è assai grande sulla terra: essi possono alzare gli occhi verso di te senza alcun timore. Tu sei la madre incomparabile che cammina con loro per la strada comune, per guidarli al cielo. O Madre diletta, in questo duro esilio io voglio vivere sempre con te e seguirti ogni giorno. Mi tuffo rapita nella tua contemplazione e scopro gli abissi di amore del tuo cuore. Tutti i miei timori svaniscono sotto il tuo sguardo materno che mi insegna a piangere e a gioire. Amen (Santa Teresa di Lisieux)
 
 
 
[20] BENEDETTA IN OGNI TEMPO
 
 
Tu porti un nome onorato, o Maria benedetta in tutti i tempi, opera d’arte che loda il nobile artefice. Dolce fanciulla a causa del prezioso angelico messaggio, hai doni di bellezza superiori a quelli di tutti gli uomini. Più vermiglia delle rose e superiore ai gigli nel candore, tu sei il nuovo fiore delle terra, che il cielo coltiva dall’alto. Cristallo, ambra, oro, porpora, perla candida, smeraldo: dove giunge il fulgore della tua forma, tutti i metalli svaniscono. La neve è vinta dal tuo candore, il sole dalla bellezza dei tuoi capelli e i suoi raggi impallidiscono, o Vergine, di fronte alla tua bellezza. Il rubino si spegne e l’ardente lucifero cede di fronte a te; in ogni circostanza sei superiore alle meteore (San Venanzio Fortunato)
 
 
 
[21] MADRE DEI PICCOLI
 
 
Maria, madre dei poveri e dei piccoli, di quelli che non hanno nulla, che soffrono solitudine perché non trovano comprensione in nessuno. Grazie per averci dato il Signore. Ci sentiamo felici e col desiderio di contagiare molti di questa gioia. Di gridare agli uomini che si odiano che Dio è Padre e ci ama. Di gridare a quanti hanno paura: «Non temete». E a quelli che hanno il cuore stanco: «Avanti che Dio ci accompagna». Madre di chi è in cammino, come te, senza trovare accoglienza, ospitalità. Insegnaci a essere poveri e piccoli. A non avere ambizioni. A uscire da noi stessi e a impegnarci, a essere i messaggeri della pace e della speranza. Che l’amore viva al posto della violenza. Che ci sia giustizia tra gli uomini e i popoli. Che nella verità, giustizia e amore nasca la vera pace di Cristo di cui come Chiesa siamo sacramento. Amen (card. Eduardo Pironio)
 
 
 
[22] CONSACRAZIONE ALL'IMMACOLATA
 
 
Vergine Immacolata, Madre mia, Maria, io rinnovo a te, oggi e sempre, la consacrazione di tutto me stesso, perché tu disponga di me per il bene delle anime. Solo ti chiedo, o mia regina e Madre della Chiesa, di accogliermi tra i fedeli cooperatori alla tua missione per l'avvento del regno di Gesù nel mondo. Ti offro pertanto, o Cuore Immacolato di Maria, le azioni e i sacrifici di questo giorno e di tutta la mia vita. Amen
 
 
 
[23] MADRE DI MISERICORDIA
 
 
O Regina degli Angeli, o Signora dei cieli, forte nella fede, singolare per gloria! La tua pietà è tanto grande quanto il tuo potere. Sei tanto misericordiosa nell’aiutare i miseri, quanto potente nell’impetrare ciò che ti si chiede. Quando non hai compassione dei figli miseri, o Madre della misericordia? Quando non puoi dar loro il tuo aiuto, tu, Madre della stessa Onnipotenza? Tu ottieni dall’Onnipotente ciò che vuoi, con la stessa facilità con cui la nostra povertà ti intenerisce. Quanta fiducia riponiamo in Dio per tuo merito! Tu infatti sei Madre dell’esule e del Re, del reo e del Giudice, dell’uomo e di Dio. Tu, Madre della misericordia, non pregherai il Figlio per noi, il figlio Unigenito per l’adottivo, il Signore per il servo, il Giudice per il colpevole, il Creatore per la creatura, il Redentore per il redento? Chi ha posto il Figlio tuo Mediatore tra Dio e gli uomini, ha posto pure Te Mediatrice tra il colpevole e il Giudice. Amen (Adamo Abate)
 
 
 
[24] AVE MARIA
 
 
Ave Maria, Madre di ogni nostro desiderio di felicità. Tu sei la terra che dice sì alla vita. Tu sei l’umanità che da il suo consenso a Dio. Tu sei la nuova Eva e la madre dei viventi. Tu sei la fede che accoglie l’imprevedibile, ascolta lo Spirito creatore e si meraviglia. Tu sei la Madre delle oscurità della fede, che custodisce tutti gli avvenimenti nel suo cuore, indaga e medita tutti i nostri «perché?» e si fida dell’avvenire di Dio, suo Signore. Ave Maria, Madre di tutte le nostre sofferenze. Tu sei la donna ritta ai piedi dell’uomo crocifisso, tu sei la madre di tutti quelli che piangono l’innocente massacrato e il prigioniero torturato. Ave Maria, Madre di tutte le nostre speranze. Tu sei la stella radiosa di un popolo in cammino verso Dio. Tu sei l’annuncio dell’umanità trasfigurata, tu sei la riuscita della creazione che Dio ha fatto per la sua eternità (M. Hubaut)
 
 
 
[25] «SUPPLICA PER LA DOLCE SPOSA DI CRISTO»
 
 
O Maria, tempio della Trinità; Maria portatrice del fuoco, terra fruttifera. Tu, Maria, sei quella pianta novella, dalla quale abbiamo ricevuto il fiore odorifero del Verbo unigenito Figliolo di Dio. O Maria, carro di fuoco, tu portasti il fuoco, nascosto e velato sotto la cenere della tua umanità. In te ancora, o Maria, si dimostra la fortezza e la libertà dell’uomo, perché dopo che l’Angelo fu mandato a te per annunciarti il mistero del consiglio divino, non discese nel ventre tuo il Figliolo di Dio prima che tu acconsentissi con la tua volontà. Egli aspettava alla porta della tua volontà che tu gli aprissi, perché giammai vi sarebbe entrato, se tu non gli avessi aperto. Bussava, o Maria, alla tua porta la deità eterna; ma, se tu non avessi aperto, Dio non si sarebbe incarnato in te... A te ricorro, Maria, a te offro la mia supplica per la dolce sposa di Cristo e per il suo Vicario in terra, affinché gli sia dato lume per reggere con  discernimento e prudenza la Santa Chiesa (Santa Caterina da Siena)
 
 
 
[26] SPOSA DELLO SPIRITOSANTO
 

 
 
 
[27] BEATA E BENEDETTA
 
 
Sia lode a te o Padre che hai mandato il tuo Figlio unigenito, nato da Maria, liberandoci dall’errore. Beata sei, Maria, che lo hai concepito. Beata che hai nutrito colui che tutti nutre. Beata che hai portato nel tuo seno quel forte che porta il mondo nella sua potenza. Beata e benedetta che le tue labbra hanno baciato quella vampa che consuma il figlio della stirpe di Adamo. Beata sei tu, perché dal tuo seno è irradiato uno splendore che si diffonde su tutta la terra. Beata sei tu, perché col tuo latte hai nutrito Dio, il quale nella sua misericordia si è fatto piccolo per rendere grandi i miseri. Gloria a te, o nostro rifugio! Gloria a te, o nostro orgoglio, perché per opera tua la nostra stirpe è stata innalzata al cielo. Supplica Dio, nato da te, che mandi pace e calma alla sua Chiesa. Lode a colui che è sorto da Maria, che l’ha fatta sua madre e che in lei si è fatto fanciullo. Sia benedetto il re dei re che si è fatto uomo, lode a Colui che l’ha mandato a nostra redenzione e gloria allo Spirito Santo che cancella i nostri peccati! (Balaj Siro)
 
 
 
[28] MADRE DELLA CHIESA
 
 
Madre della Chiesa, e Madre nostra Maria, raccogliamo nelle nostre mani quanto un popolo è capace di offrirti; l'innocenza dei bambini, la generosità e l'entusiasmo dei giovani, la sofferenza dei malati, gli affetti più veri coltivati nelle famiglie, la fatica dei lavoratori, le angustie dei disoccupati, la solitudine degli anziani, l'angoscia di chi ricerca il senso vero dell'esistenza, il pentimento sincero di chi si è smarrito nel peccato, i propositi e le speranze di chi scopre l'amore del Padre, la fedeltà e la dedizione di chi spende le proprie energie nell'apostolato e nelle opere di misericordia. E tu, o Vergine Santa, fa' di noi altrettanti coraggiosi testimoni di Cristo. Vogliamo che la nostra carità sia autentica, così da ricondurre alla fede gli increduli, conquistare i dubbiosi, raggiungere tutti. Concedi, o Maria, alla comunità civile di progredire nella solidarietà, di operare con vivo senso della giustizia, di crescere sempre nella fraternità. Aiuta tutti noi ad elevare gli orizzonti della speranza fino alle realtà eterne del Cielo. Vergine Santissima, noi ci affidiamo a Te e Ti invochiamo, perché ottenga alla Chiesa di testimoniare in ogni sua scelta il Vangelo, per far risplendere davanti al mondo il volto del tuo Figlio e nostro Signore Gesù Cristo. Amen
 
(S. Giovanni Paolo II)
 
 
 
[29] RICORDATI
 
 
Ricordati o pietosissima Vergine Maria, che non si è mai inteso al mondo che alcuno, ricorrendo alla tua protezione, implorando il tuo aiuto e chiedendo il tuo patrocinio, sia stato abbandonato. Animato da una tale confidenza a te ricorro, o Madre, vergine delle vergini; a te vengo e con le lacrime agli occhi, reo di mille peccati; mi prostro ai tuoi piedi a domandare pietà. Non disprezzare, o Madre del Verbo, la mia voce; ma benigna ascoltami ed esaudiscimi. Amen (San Bernardo)
 
 
 
[30] DONAMI LA GIOIA
 
 
Maria, rendi il mio amore sorridente, perché sia ancor più ricco di amore! Fa in modo che il mio sorriso, possa esprimere la più pura bontà! Insegnami a dimenticare con un sorriso le mie preoccupazioni e le mie pene, per prestare attenzione soltanto alle gioie degli altri. Il mio volto sorridente renda i miei contatti col prossimo più cordiali e più caldi di fraternità. Conservami il sorriso nelle ore dolorose, perché anche in quei momenti io possa continuare a donarmi al prossimo. Aiutami a custodire in fondo al cuore quella gioia di amare che si manifesta attraverso il sorriso. Insegnami, Maria, a servire il Signore, con gioia, sorridendo, a qualunque costo. Amen
 
 
 
[31] AL CUORE IMMACOLATO DI MARIA
 
 
O Cuore Immacolato di Maria, ardente di bontà, mostra il tuo amore verso di noi. La fiamma del tuo cuore, o Maria, scenda su tutti gli uomini. Noi ti amiamo tanto. Imprimi nei nostri cuori il vero amore così da avere un continuo desiderio di te. O Maria, umile e mite di cuore, ricordati di noi quando siamo nel peccato. Tu sai che tutti gli uomini peccano. Donaci, per mezzo del tuo Cuore Immacolato la salute spirituale. Fa' che sempre possiamo guardare alla bontà del tuo Cuore materno e che ci convertiamo per mezzo della fiamma del tuo Cuore. Amen
 
 
 
[32] AFFIDAMENTO A MARIA
   
 
Maria, Madre di Gesù e Madre mia, in questo giorno io mi consacro totalmente a te, per vivere una vita santa, per essere tuo piccolo servo, perché tu, dolce Madre, possa contare sempre su di me, e possa aiutarti a portare a compimento in me il disegno d'amore che il Padre ha su ognuno di noi.  Donami, o Madre di Gesù e Madre mia, la grazia di essere sempre fedele alla Chiesa e al santo Padre, e, unito a te, amare e adorare il Signore Gesù. Amen.
 
 
[33] VERGINE IMMACOLATA
 
 
Santissima Vergine, io credo e confesso la tua Santa Immacolata Concezione pura e senza macchia. O Vergine purissima, per la tua verginale purezza, per l'Immacolata tua Concezione, per la gloriosa tua qualità di Madre di Dio, ottienimi dal tuo carissimo Figlio, l'umiltà e la carità, una grande purezza di cuore, di corpo e di spirito, la santa perseveranza nel bene, il dono della preghiera, una buona vita e una santa morte. Amen (San Vincenzo de Paoli)
 
 
[34] ALLA VERGINE IMMACOLATA
 
 
O Maria, Vergine Immacolata, prendimi sotto la tua specialissima protezione e custodisci la purezza della mia anima, del mio cuore e del mio corpo. Tu sei il modello e la stella della mia vita. Amen (Santa Faustina Kowalska)
 
 
 
[35]  CONSACRAZIONE ALL’IMMACOLATA
 
 
O Immacolata, regina del cielo e della terra, rifugio dei peccatori e Madre nostra amorosissima, cui Dio volle affidare l’intera economia della misericordia, io, indegno peccatore, mi presento ai tuoi piedi, supplicandoti umilmente di volermi accettare come cosa e proprietà tua, e di fare ciò che ti piace di me e di tutte le facoltà della mia anima e del mio corpo, di tutta la mia vita, morte ed eternità. Disponi pure, se vuoi, di tutto me stesso, senza alcuna riserva, per compiere ciò che è stato detto di te: «Ella ti schiaccerà il capo» (Gn 3, 15), come pure «Tu sola hai distrutto tutte le eresie del mondo intero», affinché nelle tue mani immacolate e misericordiosissime io divenga uno strumento utile per innestare e incrementare il più fortemente possibile la tua gloria in tante anime smarrite e indifferenti e per estendere in tal modo, quanto più è possibile, il benedetto regno del Santissimo Cuore di Gesù. Dove tu entri, infatti, ottieni la grazia della conversione e santificazione, poiché ogni grazia scorre, attraverso le tue mani, dal Cuore dolcissimo di Gesù fino a noi. Concedimi di lodarti, o Vergine Santissima. Dammi forza contro i tuoi nemici. Amen
 
S. Massimiliano M. Kolbe)
 
 
 
[36] IMMACOLATA MADRE DI DIO
 
 
O Maria, Immacolata Madre di Dio, con gli angeli in luce e i santi in letizia, noi ti salutiamo regina del cielo e della terra e ti invochiamo a regnare su tutte le anime e nei nostri cuori a te consacrati. Per la grazia divina di cui sei la generosa dispensatrice, fà che tutte le menti conoscano Dio nella verità, tutti i cuori lo amino nella carità, tutte le volontà gli siano soggette nell'umiltà. E Tu, Madre celeste, poni maternamente in ciascuno di noi il tuo trono d'amore, così che da te scaturisca ogni nostra gioia, in te si quieti ogni nostro affanno, per te si elevi confidente ogni nostra preghiera. Affrettati, o pietosissima Signora, affrettati a conquistare il mondo nella pace della carità, per lo splendore del tuo diadema e per l'avvento glorioso del regno universale di Gesù Cristo, tuo Figlio divino e nostro Signore
 
(recitata spesso da San Pio da Pietrelcina)
 
 
 
[37] ALL'IMMACOLATA CONCEZIONE
 
 
O Vergine Maria, tu che schiacci la testa del maligno, non permettere che noi cediamo, lasciandoci vincere dal male. Vittoriosa nella tua Immacolata Concezione, divieni vittoriosa con la potenza di Dio stesso, con la potenza della grazia. L'eredità del peccato ti è estranea. Sei «piena di grazia». O Maria, tu che ci conosci, rimani con i tuoi figli. Sappiamo che nel tuo orecchio sta l'annuncio dell'Angelo, sulle tue labbra il cantico della lode, nelle tue braccia Dio fatto bambino, nel tuo cuore la croce del Golgota, sulla tua fronte la luce del fuoco dello Spirito Santo e sotto i tuoi piedi il maligno sconfitto. Prega per noi il Redentore dell'uomo: che ci riscatti dal peccato e da tutto ciò che ci rende schiavi, che ci unisca con il vincolo della fedeltà alla Chiesa e ai pastori che la guidano. Amen
 
(San Giovanni Paolo II)
 
 
 
[38] ALL'IMMACOLATA
 
 
O Maria Immacolata noi onoriamo il mistero del tuo privilegio, il mistero della tua perfezione. Tu sei la sola creatura umana che per divino disegno, in virtù dei meriti di Cristo, unica sorgente della nostra salvezza, fosti preservata da ogni contagio della colpa originale, la sola in cui l'idea creatrice di Dio si rispecchia fedelmente. Tu sei immagine di Dio. Dolcezza, profondità d'amore, bellezza sono sul tuo volto luminoso e innocente. Maria, noi ti preghiamo: facci comprendere, desiderare, possedere in tranquillità la purezza dell'anima e del corpo, lo sguardo limpido che vede Dio. O clemente, o pia, o dolce Vergine Maria.
 
 
 
[39] O VERGINE IMMACOLATA
 
 
O Maria Immacolata, a te ricorriamo con affetto filiale: illumina, guida, salva l'umanità redenta da Cristo, tuo Figlio e nostro fratello. Richiama i lontani, converti i peccatori, sostieni i sofferenti, aiuta e conforta chi già ti conosce e ti ama. Grandi cose di te si cantano, o Maria, perché da te è nato il Sole di giustizia, Cristo nostro Signore. Amen
 
 
 
[40] ALLA VERGINE IMMACOLATA
 
 
Vergine Immacolata, figlia prediletta del Padre, promessa aurora di pace all'umanità decaduta, per singolare privilegio fosti preservata dal peccato originale, ottieni anche a noi di stare sempre lontano dalle seduzioni del maligno e seguire con amorosa fedeltà le ispirazioni della grazia nella pratica generosa degli ideali evangelici. Amen
 
 
 
[41] CONSACRAZIONE A MARIA IMMACOLATA
 
 
Io, peccatore infedele, rinnovo oggi e ratifico nelle tue mani, o Maria Immacolata, i voti del mio battesimo. Rinunzio per sempre a Satana, alle sue pompe e alle sue opere e mi do interamente a Gesù Cristo, la sapienza incarnata, per portare la mia croce dietro a Lui tutti i giorni di mia vita. E affinché io gli sia più fedele che nel passato, ti scelgo oggi o Maria alla presenza di tutta la corte celeste per mia madre e padrona. A te, come uno schiavo, io abbandono e consacro il mio corpo e l’anima mia, i miei beni interni ed esterni, e il valore stesso delle mie buone opere passate, presenti e future, lasciandoti un intero e pieno diritto di disporre di me e di tutto ciò che mi appartiene, senza eccezione, a tuo piacimento, per la maggior gloria di Dio nel tempo e nell’eternità. Amen
 
(S. Luigi Grignon di Montfort)
 
 
 
[42] CONSACRAZIONE DELLA FAMIGLIA ALLA MADONNA
 
 
Vergine santa, regina e madre nostra amorosissima, prostrati ai tuoi piedi, la nostra famiglia si consacra oggi al tuo Cuore immacolato, perché possa regnare sempre in questa casa. Sii in essa sempre presente con la grazia di Dio e con la tua benedizione e materna protezione. Ci ispirino i tuoi sublimi esempi di virtù. Tu vergine, sposa e madre, tu fedele ancella del Signore e regina del mondo, tu umile operaia e madre dei dolori, insegnaci a vivere pienamente la nostra vita cristiana: nell'amore alla famiglia, nella sana educazione dei nostri figli, nel sostenere pazientemente il duro lavoro e tutte le prove della vita. La pace, la serenità e la gioia regnino sovrane nella nostra famiglia; ed il tuo sorriso materno allieti la nostra vita, come nella santa casa di Nazareth. Accogli o Vergine, le nostre quotidiane preghiere, i nostri sacrifici e dolori come atti di espiazione che noi offriamo per la conversione dei peccatori ed in riparazione delle offese che colpiscono il Cuore sacratissimo di Gesù ed il tuo Cuore immacolato. Sii, o Maria, la regina della nostra famiglia; e la tua benevolenza ci conceda, un giorno, di riunirci tutti insieme nel cielo per cantare con Te in eterno, le infinite misericordie del Signore. Amen
 
 
 
[43] DONACI VOCAZIONI RELIGIOSE
 
 
A te ci rivolgiamo, Madre della Chiesa, che hai accolto con disponibilità la chiamata di Dio. Fà che molti uomini e donne sappiano percepire ancora oggi la voce invitante del tuo Figlio «Seguimi!». Fa che trovino il coraggio di lasciare le loro famiglie, le loro occupazioni, le loro speranze terrene per seguire Cristo sulla via da lui tracciata. Stendi la tua mano materna sui Missionari sparsi in tutto il mondo, sui religiosi e le religiose, sui membri degli istituti secolari, fermenti silenziosi di opere buone; su coloro che nella clausura vivono di fede e di amore e impetrano la salvezza del mondo. Amen
 
 
 
[44] A MARIA SS. DELLE GRAZIE
 
 
Padre santissimo, ti ringraziamo perché nel tuo disegno di amore ci hai donato Maria, madre del tuo Figlio e madre nostra. E' per tuo volere che noi ci rivolgiamo a Lei, quale mediatrice della Grazia apparsa in mezzo a noi, e di tutte le altre grazie, perché con amore materno si prende cura di noi, fratelli del tuo diletto Figlio. La Vergine Madre visiti i nostri cuori, le nostre famiglie, i bambini, i giovani e gli anziani, come un giorno visitò Elisabetta, portando nel suo grembo Gesù, e con Lui i doni dello Spirito Santo, e una grande gioia. Poiché Tu, Padre, ci hai donato in Maria il più splendido modello di santità, aiutaci a vivere come Lei, in ascolto docile della tua Parola, per essere fedeli discepoli di Gesù Cristo, nella Chiesa cattolica, messaggeri del vangelo, di giustizia e di pace. Rafforzaci nella fede, nella speranza e nella carità perché possiamo superare più agevolmente le difficoltà di questa vita, e raggiungere così la salvezza eterna. Per Cristo nostro Signore. Amen (santuario di Cerreto Sannita)
 
 
 
[45] «PIENA DI GRAZIA»
 
 
«Piena di grazia» tu sei, Maria, colma dell'amore divino dal primo istante della tua esistenza [...]. Nella tua Immacolata Concezione rifulge la vocazione dei discepoli di Cristo, chiamati a diventare, con la sua grazia «santi e immacolati nell'amore» (Ef. 1, 4). [...]. «Piena di grazia» tu sei, Maria, che accogliendo con il tuo «sì» i progetti del Creatore, ci hai aperto la strada della salvezza. Alla tua scuola, insegna a pronunciare anche a noi il nostro «sì» alla volontà del Signore. Un «sì» che si unisce al tuo «sì» senza riserve e senza ombre, di cui il Padre celeste ha voluto aver bisogno per generare l'Uomo nuovo, il Cristo, unico Salvatore del mondo e della storia. Dacci il coraggio di dire «no» agli inganni del potere, del denaro, del piacere; ai guadagni disonesti, alla corruzione e all'ipocrisia, all'egosimo e alla violenza. «Nò» al maligno, principe ingannatore di questo mondo. «Sì» a Cristo, che distrugge la potenza del male con l'onnipotenza dell'amore. [...]. Mostrati madre e vigile custode per l'Italia e per l'Europa, affinché dalle antiche radici cristiane sappiano i popoli trarre nuova linfa per costruire il loro presente e il loro futuro. Mostrati provvida e misericordiosa per il mondo intero [...]. Mostrati Madre specialmete per quanti ne hanno maggiormente bisogno: per gl'indifesi, per gli emarginati e gli esclusi, per le vittime di una società che troppo spesso sacrifica l'uomo ad altri scopi e interessi. Mostrati madre di tutti, o Maria, e donaci Cristo, la speranza del mondo
 
(Benedetto XVI)
 
 
 
[46]   SOCCORRIMI!
 
 
Maria dolcissima, Maria purissima, concedimi la grazia che il tuo nome sia da oggi in poi il respiro della mia vita. Signora, non tardare a soccorrermi ogni volta che ti chiamo, poiché in tutte le tentazioni e in tutte le mie necessità non voglio smettere di invocarti ripetendo sempre Maria, Maria! Così voglio fare durante le mia vita e spero particolarmente nell'ora della morte, per venire a lodare eternamente in cielo il tuo amato nome: «O clemente, o pia, o dolce vergine Maria»
 
(S. Alfonso M. de' Liguori)
 
 
 
[47] VERGINE DELLA SPERANZA
 
 
«Ave Maria», donna povera e umile, benedetta dall'Altissimo! Vergine della speranza, profezia dei tempi nuovi, noi ci associamo al tuo cantico di lode per celebrare le misericordie del Signore, per annunciare la venuta del Regno e la piena liberazione dell'uomo. «Ave Maria», umile serva del Signore, gloriosa Madre di Cristo! Vergine fedele, dimora santa del Verbo, insegnaci a perseverare nell'ascolto della Parola, a essere docili alla voce dello Spirito, attenti ai suoi appelli nell'intimità della coscienza e alle sue manifestazioni negli avvenimenti della storia. «Ave Maria», donna del dolore, Madre dei viventi! Vergine sposa presso la croce, Eva novella, sii nostra guida sulle strade del mondo, insegnaci a vivere e a diffondere l'amore di Cristo, a sostare con te presso le innumerevoli croci sulle quali tuo Figlio è ancora crocifisso. «Ave Maria», donna della fede, prima dei discepoli! Vergine Madre della Chiesa, aiutaci a rendere sempre ragione della speranza che è in noi, confidando nella bontà dell'uomo e nell'amore del Padre. Insegnaci a costruire il mondo dal di dentro: nella profondità del silenzio e dell'orazione, nella gioia dell'amore fraterno, nella fecondità insostituibile della croce. Santa Maria, Madre dei credenti, prega per noi. Amen
 
(san Giovanni Paolo II)
 
 
 
[48] TU SEI L'IMMACOLATA
 
 
Maria, tu che sei l'Immacolata Concezione, vieni in nostro aiuto. Donaci l'umiltà della conversione, il coraggio della penitenza. Insegnaci a pregare per tutti gli uomini. Guidaci alle sorgenti della vera vita. Fà di noi dei pellegrini in cammino dentro la tua Chiesa. Sazia in noi la fame dell'Eucaristia, il pane del cammino, il pane della vita. In te, o Maria, lo Spirito Santo ha fatto grandi cose: nella sua potenza, ti ha portato presso il Padre, nella gloria del tuo Figlio, vivente in eterno. Guarda con amore di madre le miserie del nostro corpo e del nostro spirito. Splendi come stella luminosa per tutti [...]. Metti nel nostro animo lo spirito delle beatitudini; allora potremo, fin da quaggiù, conoscere la gioia del Regno e cantare con te il «Magnificat». Gloria a te, o Vergine Maria, beata serva del Signore, Madre di Dio, tempio dello Spirito Santo. Amen
 
 
 
[49] CUORE PURO E IMMACOLATO DI MARIA
 
 
O Vergine benedetta, dal cuore puro e immacolato, tu che sei la Madre senza peccato del nostro Signore, tu che sei la speranza dei disperati e dei peccatori, noi ti lodiamo. Ti benediciamo, o piena di grazia che hai generato l'Uomo-Dio; ti invochiamo e imploriamo il tuo aiuto. Preservaci, o Vergine Santa e Immacolata, dai pericoli che incombono su di noi e da ogni tentazione. Intercedi e prega per noi nell'ora della nostra morte; liberaci dalle tenebre che ci circondano; rendici degni della gloria del tuo Figlio, o dolcissima e clementissima Vergine Maria. Tu sei la nostra unica speranza e certezza davanti a Dio, a lui onore e gloria per tutti i secoli dei secoli. Amen (S. Efrem il Siro)
 
 
 
[50] IL CUORE DI MARIA
 
 
Benedetto il Cuore di Maria, cielo dei cieli, nel quale tu, Dio, sei sempre stato, sei e sarai eternamente adorato, lodato e glorificato più santamente e più perfettamente che da tutte le creature che sono in cielo e sulla terra! [...]. Benedetto quel Cuore che tu, o Dio, hai posseduto perfettamente dal suo primo istante di vita e che non è mai stato un momento senza essere tuo. Benedetto quel Cuore della Regina di tutti i Santi, o Dio, che è sempre stato immacolato in una eminente carità e purità ed è stato assorbito e trasformato dalla divinità, santità e bellezza. Benedetto quel Cuore così traboccante di mansuetudine, clemenza e misericordia verso qualsiasi peccatore, immagine vivente della tua misericordia senza limiti, o Dio! [...]. O madre di bontà! Che tutti i fedeli benedicano e amino incessantemente il tuo Cuore materno. O Cuore amabilissimo della nostra celeste Madre, sii il cuore del mio cuore, l'anima della mia anima, la vita della mia vita. Amen (S. Giovanni Eudes)
 
 
 
[51] SACRI CUORI DI GESU' E DI MARIA
 
 
O sacri Cuori di Gesù e di Maria, riparate tutte le mie mancanze. Supplite a tutto ciò che mi manca. Bruciate il mio cuore nel vostro ardore. Consumate la mia tiepidezza e viltà nell'amarvi e servirvi, perché voglio racchiudere tutta la mia felicità nel vivere e morire come schiavo dell'adorabile Cuore di Gesù e umile servo e figlio di Maria. Amen (Santa Margherita Maria Alacoque)
 
                                                      
 
 
 
[52] LA DOLCEZZA D'ESSERE FIGLI DI MARIA
 
 
Maria, Regina del mio cuore, contemplo la tua vita nel vangelo, ti vedo con me, mortale e sofferente: è dolce essere tua figlia. Voglio seguirti sempre, o Madre cara e, giorno dopo giorno, vivere con te. Vergine santa, quando ti contemplo m'immergo rapita nel tuo Cuore e scopro gli abissi dell'amore. Il tuo materno sguardo mi libera da tutti i miei timori, mi insegna a piangere e a gioire. Tu non disprezzi i giorni lieti, anzi li benedici e con noi li condividi. Tu mi sorridesti all'alba della mia vita, torna di nuovo a sorridermi, Madre, ora che le ombre della sera sono vicine. Con te ho sofferto, Vergine Santa; ora sul tuo Cuore voglio cantare e dirti in eterno: sono tua figlia, ti amo! Amen
 
(Santa Teresa di Lisieux)
 
 
 
[53]   AL CUORE IMMACOLATO DI MARIA
 
 
Cuore Immacolato di Maria, che sei la Madre di Dio, la corredentrice del mondo e la madre della grazia divina, io riconosco che ho bisogno del tuo aiuto per santificare questa mia giornata e t'invoco con filiale confidenza. Sii tu l'ispiratrice di ogni mio pensiero, il modello di ogni mia preghiera, azione e sacrificio, che intendo compiere sotto il tuo sguardo materno e offrirti con tutto il mio amore, in unione a  tutte le tue intenzioni, per riparare le offese che ti reca l'umana ingratitudine e specialmente le bestemmie, che continuamente ti trafiggono, per salvare tutti i poveri peccatori; in particolare perché tutti gli uomini ti riconoscano loro vera Madre. Tieni oggi lontano da me e dalla mia famiglia ogni colpa, concedimi di corrispondere fedelmente a ogni tua grazia e dona a tutti la tua materna benedizione. Amen
 
(Pio XII)
 
 
 
[54] MARIA DAMMI IL TUO CUORE
 
 
Maria, Madre di Gesù, dammi il tuo cuore, così bello, così puro, così immacolato, così pieno di amore e umiltà. O Madre mia dolcissima, rendimi capace di ricevere Gesù nel pane della vita, di amarlo come lo amasti tu. Donami, o Vergine povera, di servire Gesù, vivo e presente in tutti i poveri, specialmente nei più poveri tra i poveri. Amen
 
(Santa Teresa da Calcutta)
 
 
 
[55] O SANTISSIMO CUORE
 
 
O purissima Vergine Maria, venero il tuo santissimo Cuore che fu la delizia e il riposo di Dio. Cuore tutto colmo di umiltà, di purezza e amore divino. Io, infelice peccatore, vengo a te con il cuore contrito; e tu, per amore di Gesù, impetrami la salvezza. Madre mia, non mi lasciare, continua a pregare per me, finché non mi vedrai salvo in cielo. Amen
 
 
 
 
ALLA MADONNA DELLE GRAZIE
 
 
Di fronte a Te, Vergine delle Grazie, con le mani vuote, pronte ad accogliere i tuoi doni, candidi fiocchi di neve in estate, che lasciano senza respiro anche le anime stanche. Grazie, chiediamo... chiedo, mentre un coro si leva e arriva come musica mai ascoltata prima, là, dove... i dimenticati non ce la fanno a costruirsi una rinnovata dimora, gli afflitti non sognano più una dignitosa esistenza; là, dove... nei mari dell'inquietudine e della disperazione, la più flebile speranza, retaggio del credere in un futuro migliore, annega insieme ai corpi fluttuanti; là, dove... gli abbandonati vagano disorientati alla ricerca disperata d'amore; dove... il cielo si tinge di nero per chi conosce la sofferenza inflitta con violenza da altri e le grida perforano le montagne; dove c'è la solitudine e la fame, quella vera, che valica i confini pensabili e se ne sente il peso ad ogni passo.
 
Misericordia di noi, dolce Madre! Tu ci tendi le mani mentre cingi il Tuo Bambino, che con Te intreccia corone di verità e luce per deporle nei nostri cuori liberandoli dall'odio e dalla cupidigia. Un amore immenso il Tuo, pregno della Misericordia di Dio! Maria, ci inviti a rialzarci, ci sospingi, ci insegni a guardare oltre il confine sottile tra l'odio e l'amore, oltre l'indifferenza che nasconde i volti, oltre il rancore acuito nel tempo... ed è in quell'attimo che ci apri la dimensione del perdono!
 
L'Amore, il Perdono e la Misericordia custodiscano la nostra Chiesa, essi sono impressi nel cuore di Dio e nel Tuo: segni indelebili sulla fronte di Tuo Figlio e su quella croce che trafigge il tuo cuore. L'Amore, il Perdono e la Misericordia accompagnino ognuno di noi per strade verdi e assolate e così pure lungo impervi sentieri, e perderli ma poi ritrovarli nelle lacrime di chi soffre. Vergine delle grazie, con negli occhi lampi di tenera luce che diventa accecante quando con passo discreto di umile serva, ti avvicini ai bambini indifesi, vittime di una società che spesso sta lì solo a guardare...
 
Madre Benedetta, Tu sei qui... per i cuori che nascondono piaghe mai lenite da compassionevoli mani accanto agli abusati, alle madri che piangono i figli, alle figlie perdute, ai padri ripudiati, agli anziani abbandonati al loro destino. Sei qui! E spargi le Tue Beatitudini per tutti coloro che si sentono esclusi, inadeguati, abbandonati, per tutti coloro che non trovano rifugio nei ricordi e neppure nel rimpianto. Quante lacrime, Madre, rigano i nostri visi per poi vederle trasformare in gocce di rugiada negli occhi dei nostri fratelli e delle nostre sorelle e nei preziosi ricordi dei nostri cari! Miracolo! Grazie! Tu sei coraggio... per non arrenderci, per aprire le braccia alle fragilità che ci rendono veramente ricchi. Tu sei carità ... per aprirci al senso della vita e della verità. Tu sei compassione... per aprire il cuore alla sincerità, al reciproco soccorso e abbandonare per sempre qualunque forma di tradimento.
 
A Te ci affidiamo! In Te confidiamo! Per riuscire a guardare gli altri e in noi stessi con occhi mai stanchi, mentre la brezza fresca e pulita della speranza attraversa le nostre anime, rinnovando in noi il bisogno della preghiera. Per imparare ad asciugare ogni lacrima, a curare ogni ferita, ad accarezzare tutte le solitudini, a sorridere per la semplicità dei bimbi. Madonna delle Grazie, benedici la mia gente appena ieri lasciata e oggi ritrovata. Benedici i poveri che mi tendono le braccia dell'accoglienza affinché io, mendicante, possa bussare ai loro cuori e alle loro porte! Benedici la mia Chiesa affinché possa essere artigiana di pace, di carità e di accoglienza alla sequela di Cristo al passo con gli ultimi. Grazie!
 
Domenico Battaglia
 
vescovo di Cerreto - Telese - Sant'Agata
 
 
 
C O N  T E, MARIA
 
 
Santa Maria, aiutaci a cogliere e udire il fragoroso silenzio di Dio quando bussa al nostro cuore colmo di solitudine, per riempirlo di luce. Santa Maria, rendici capaci di gesti ospitali verso i fratelli. Sperimentiamo tempi difficili, in cui il pericolo di essere defraudati dalla cattiveria degli altri ci fa chiudere in noi stessi, rendendoci prigionieri delle nostre paure. Non ci fidiamo più l’uno dell’altro; il sospetto è divenuto sistema nei rapporti col prossimo. Il terrore di essere ingannati ha preso il sopravvento sugli istinti di solidarietà, che pure ci portiamo dentro, costringendoci a vivere comodi nei nostri ruoli e nei nostri luoghi, seppur consapevoli che il mondo va oltre i nostri recinti costruiti forse per difenderci, ma che ci fa sentire da un verso un senso di solitudine profonda, e dall’altro dimenticare che la speranza e il cuore si nutrono d’amore, di accoglienza e di fiducia. Disperdi, ti preghiamo, le nostre diffidenze. Abbatti le nostre frontiere: allenta le nostre chiusure nei confronti di chi è diverso da noi.
 
Aiutaci, Madre tenerissima, ad accogliere i fratelli che vengono da lontano nel corpo della nostra terra, nel cuore della nostra civiltà e illuminaci a cogliere in essi quell’ unicità mista alla fatica e alle lacrime. Aiutaci a dire basta al pensiero povero di chi crede che la sua dignità, il suo sangue, il suo colore, il suo dolore siano superiori a quelli degli altri. A dire basta alle guerre non dichiarate, ma sempre guerre, e che si giocano sulla mancanza di diritti: diritto alla sopravvivenza, diritto alla dignità, alla salute, al lavoro, diritto alla felicità, non per qualcuno, ma per tutti, diritto alla vita.
 
Santa Maria, donaci la grazia della tenerezza.  Infondici, come gocce d’acqua fresca, la dolcezza nel dire grazie. Effondi luce e grazia nei deserti dell’anima, là dove la vita scorre nella fredda indifferenza e inaridita nei sentimenti. Sostienici, Santa Maria, nell’ abitare il nostro deserto non come luogo di smarrimento, ma come fonte inesauribile di ricerca del volto dell’altro con la stessa gioia ed entusiasmo dei bambini quando giocano, perché la vita è un dono purissimo di Dio.
 
Dona coraggio alle fatiche di chi cammina in salita e non vede riconosciuti i suoi diritti, la sua dignità. Dona dignità a chi rimane fermo, prigioniero della propria immagine. Dona consolazione allo sconforto e speranza alla delusione, squarci di luce alle frustrazioni di tanti che consumano il tempo e la vita togliendole il respiro. Dona fiducia alla paura che mette all’angolo annientando il coraggio e la forza di reagire. Dona coraggio alla fiducia. Aiutaci, madre dolcissima, a vivere in pienezza ogni attimo, a riempire ogni istante di vita con virgulti d’amore, presenti al nostro presente, quando il tempo scorre senza tempo: l’attimo eterno racchiuso in un solo momento, è un’occasione, un’opportunità, è vita! Dona umiltà nel riconoscere i propri errori, ma soprattutto, dona coraggio per intraprendere il cammino del cambiamento. Umiltà per guardarsi dentro e accogliere il perdono a quel cuore che si nutre di rancore, di vendetta, di ipocrisia. A chi vuole essere primo ad ogni costo, crescendo sulle spalle degli altri, lasciando dietro chi non ce la fa. Il coraggio di accogliere il perdono a chi calpesta i sogni, propri e degli altri, per apparenti gioie a tempo determinato. Perché ricominciare è sempre possibile.
 
Guardaci, Maria, siamo impigliati nelle reti che noi stessi costruiamo, siamo stanchi della vita senza vita, dell’amore senza amore, della felicità a poco prezzo. Tendi la tua mano, tienici con te. Con te, vedo il cielo che si confonde con la terra ogni volta che mi affaccio dalla mia finestra, ogni volta che lascio che il mio cuore sfiori la vita di chi mi sta accanto. Con te, sento la dolcezza nascosta in un abbraccio che dona forza e calore, vedo la carità in una mano che accarezza un viso bagnato dalle lacrime. Vedo la cura di chi ha a cuore la vita. Con te sento e vedo la forza di chi non vuole arrendersi o rassegnarsi e continua a lottare, sempre. Con te, accolgo il Signore in ogni uomo, in ogni donna, in ogni gesto, in ogni parola che dona vita, che dona amore.
 
Accresci in noi, Madre, il desiderio e la passione per Gesù, prendici per mano e cammina con noi, accanto a noi. Perché il nostro cuore impari ad accogliere e ad amare come il tuo. Tu sei con noi, ed è già luce. Grazia! Perdonaci se i nostri sguardi sono protesi altrove… se corriamo dietro ad altre sembianze. Ma tu sai che nel fondo dell’anima ci è rimasta la nostalgia di quello sguardo. Anzi, di quegli sguardi. Del tuo e del suo. Benedici la nostra vita, Maria, e il cammino di ognuno di noi (2/VII/2017).
 
 
+ Domenico Battaglia
 
vescovo di Cerreto - Telese - Sant'Agata
 
 
 
 
 
Torna ai contenuti